Maurice de Vlaminck, restaurant de la Machine at Bougival

€10000

Info

Questo grande paesaggio urbano ritmicamente dipinto rappresenta una piccola città sulla Senna, a ovest di Parigi - un sito associato a Claude Monet e Pierre-Auguste Renoir nei primi anni del movimento impressionista. Maurice de Vlaminck, l'autore di questa suggestione, si guadagnò da vivere come violinista, insegnante di musica e ciclista professionista, ma un incontro casuale con Derain nel 1900 cambiò la sua vita e lo mise nei libri di storia. Il ristorante de la Machine di Bougival fu dipinto nel 1905, l'anno della svolta per i Fauves che divenne il primo vero movimento e la prima vera innovazione dell'arte del XX secolo.

Descrizione dettagliata

Influenzato dai post-impressionisti, Vlaminck e gli altri artisti rifiutarono lo spazio tridimensionale tradizionale e cercarono di costruire la composizione con il movimento dei piani cromatici. Derain e Matisse sono stati principalmente influenzati da Gauguin (si pensi alle sue tonalità intense e alle combinazioni di colori esotici), mentre Vlaminck è stato più profondamente influenzato dalla pesante pennellata e dai colori insolitamente saturi di Vincent van Gogh. Tuttavia, a partire dal 1908 questa sontuosità di colori nel lavoro di Vlamick fu sostituita da una palette monocromatica e cupa - un impatto indiscutibile di Paul Cézanne. Il ristorante de la Machine di Bougival fu esposto per la prima volta al terzo Salon d'Automne, dove fu appeso tra le opere di artisti che presto sarebbero stati conosciuti come Les Fauves ("Le bestie selvagge") - grazie al critico Louis Vauxelles che rimase scioccato , certamente in modo positivo, con la loro selvaggia e audace tavolozza e le pennellate appassionate. "Il più selvaggio dei Fauves", come lo chiamava con ammirazione il poeta Guillaume Apollinaire, Vlaminck, insieme a Henri Matisse e André Derain, divenne uno dei leader del movimento.